FANDOM


La nazione di Panem è situata nell'America del Nord, in un'epoca distopica successiva alla distruzione

della civiltà odierna; essa si articola in 13 distretti (12 attualmente abitati e un tredicesimo raso al suolo 74 anni prima dell'inizio della storia), che circondano l'indiscusso centro politico ed economico dello stato: Capitol City, collocata nell'attuale area delle rocky mountains.

Panem
[[1]]

Collocazione

Nord America

Abitanti

Abitanti di Panem

Apparizioni

Hunger Games, La Ragazza di Fuoco, Mockingjay

Panem è gestita da un regime totalitario e repressivo, che si nasconde dietro una sterile maschera di collaborazione tra le componenti della nazione: da un lato, la capitale riceve da ogni distretto il sostentamento necessario alla vita quotidiana. Dall'altro, essa vanta di provvedere alla protezione dei singoli distretti. Un fragile equilibrio, che il Presidente Snow tiene in piedi tramite una accurata e congeniata alternanza tra paura (le repressioni continue) e speranza (nel momento in cui i vincitori degli Hunger Games acquistano ricchezze e fama al livello nazionale, quasi una sorta di riscatto sociale). Non sono citate altre nazioni o città al di fuori di Panem, quindi non è ne nota l'effettiva esistenza o meno.

Il sistema alla base dell'organizzazione di Panem è un palese sfruttamento delle risorse e del lavoro dei distretti, che devolgono i propri guadagni e raccolti interamente allo sfarzo e al lusso della Capitale. Essa risulta estremamente industrializzata, alla stregua di quanto un'economia post-moderna (seppur non ben contestualizzata nel futuro) possa permettere: esistono dunque elevati palazzi, potenti mezzi chirurgici alla portata di chiunque, medicinali in grado di guarire ferite mortali in pochi attimi, sidri che permettono di vomitare per continuare a mangiare se si è sazi ad una festa. Un regno dissoluto e privo di preoccupazioni, i cui abitanti vivono alla giornata preda di frivole preoccupazioni e senza alcun minimo ideale filantropo o di collaborazione civile: essi sono individui viziati e ingenui, privi di considerazione per le miserie dei distretti - tanto lontane e remote rispetto alla loro condizione di ricchezza -. Non necessariamente crudeli, come la protagonista imparerà col tempo, essi sono vittima dei propri comfort e schiavi dell'influenza mediatica che il governo repressivo impone loro inconsciamente: vivono di pettegolezzi, di messe in scena e teatrini oltre modo ridicoli e fasulli agli occhi di chiunque, ma non del loro acume che mai ha avuto necessità, o occasione, di svilupparsi.

Da qui deriva il nome della nazione, "Panem": il rimando all'espressione latina, ad opera del poeta Giovenale, è palese. "Panem et Circensem", pane e giochi. Una sintetizzazione rapida ma efficace di una società che si accontenta di cibo e giochi - teatrini, finzioni, futili occupazioni - e chiude gli occhi dinnanzi alla realtà. Va da se che i giochi in questione siano gli "Hunger Games", i giochi della fame. Essi, nati inizialmente come punizione per i distretti, sono passati ad identificarsi come veri e propri reality show, ai quali il pubblico di Capitol City si approccia con impazienza e eccitazione, ignaro dinnanzi alle atrocità portate avanti: esso è l'unico tra gli spettatori - sofferenti, dei distretti - ad emozionarsi per l'avvento dei giochi e a seguirli con interesse e coinvolgimento. Un fenomeno mediatico di estreme proporzioni, in grado di soggiogare fisicamente i singoli distretti e psicologicamente le menti di un'intera città, omologata e non dotata di capacità critica individuale.

StoriaModifica

Gran parte della storia Panem è avvolta nel mistero: la storia conosciuta risale a circa 70 anni prima dell'inizio della trilogia, e prende le mosse dai cosiddetti "Giorni Bui".

FondazioneModifica

In un tempo indeterminato, la Terra è cambiata e la civiltà moderna è stata distrutta. Le ragioni nè le cause sono note, ma le conseguenze hanno apportato grandi modifiche al livello mondiale: il livello del mare, ad esempio, è salito a livelli sconosciuti in tutto il pianeta. Qualche tempo dopo la fine del mondo, una nazione è stata fondata nel Nord America: questa nazione viene presto conosciuta come Panem. Non si sa precisamente quando Panem sia stata fondata e per quanto tempo sia esistita. Essa si è col tempo evoluta ed è stata suddivisa in 13 distretti, ognuno responsabile della produzione di beni di prima e seconda necessità devoluti totalmente a soddisfare le crescenti esigenze della nazione, e tutti operanti sotto gli auspici di Capitol City.


I giorni buiModifica

Circa 74 anni prima degli eventi della trilogia di The Hunger Games, i vari Distretti di Panem si ribellarono contro Capitol City, principalmente a causa del governo opprimente e dispotico. Non si sa quanto tempo durò la ribellione o il numero esatto di vittime su entrambi i fronti (anche se Capitol City sostiene che per ogni cittadino residente a Capitol City ucciso, due ne siano morti trai ribelli), ma la capitale riuscì a sedare la rivolta, soggiogando nuovamente i 12 distretti e radendone al suolo un tredicesimo, ritenuto pericoloso in quanto produttore di energia nucleare.

Gli Hunger GamesModifica

A seguito della ribellione, come riconferma della propria tirannide, Capitol city fondò gli Hunger Games, un evento annuale in cui due ragazzi per ogni distretto, di età compresa tra i 12 e i 18 anni, viene estratto a sorte e forzatamente spedito in un'Arena (palese il rimando ai combattimenti gladiatori), in cui una lotta brutale di sopravvivenza vedrà, al termine dei "giochi", la sopravvivenza del più forte.

Palese è la contraddizione alla base del programma che, estraendo a sorte due partecipanti, non pone sullo stesso piano e nelle stesse condizioni gli stessi fin dal principio; non solo nei distretti più poveri vi è la possibilità di ottenere più nomine all'interno dei giochi in cambio di cibo annuale (ovvero di far comparire il proprio nome più volte all'interno dell'urna di estrazione, uno per ogni tessera acquistata), mentre nei distretti più ricchi i partecipanti vengono addestrati fin dall'infanzia in funzione dei giochi, ma vi è anche una forte disparità tra le età dei ragazzi estraibili: un esempio risulta essere Rue, dodicenne con la quale Katniss si allea poiché incapace di lasciar una bambina fronteggiare da sola le atrocità di un massacro di tale portata.

L'evento si pose in origine uno scopo fondamentale: dimostrare la potenza schiacciante che Capitol City esercitava sui distretti con la forza, costringendo i loro figli a uccidersi l'un l'altro senza alcuna possibilità di rifiuto o via di fuga. Essi miravano al controllo delle masse le quali, terrorizzate dall'evento e dalle ripercussioni di una nuova repressione, chinavano il capo dinnanzi a tali atrocità. Allo stesso tempo però, la presenza di un vincitore che si innalzasse al di sopra degli altri 23 partecipanti e ne fuoriuscisse arricchito e glorificato in tutta la nazione, lasciava ai distretti sottomessi una scintilla di speranza che, tenuta sotto controllo, risultava agli occhi del governo più fruttuosa della paura stessa. Col tempo, essi divennero veri e propri eventi mediatici, alla stregua degli attuali reality show: il programma si trasformò in un'annuale fonte di intrattenimento popolare e accrebbe di importanza e magnificenza, rendendo ogni edizione più forzatamente finta e costruita agli occhi dei distretti coinvolti, spesso costretti a manifestare entusiasmo e coinvolgimento dinnanzi alla concreta possibilità di morte imminente di un proprio figlio o fratello.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale